•  
  •  


​AutoRicerca - Numero 15 - Anno 2018 - Sàdhàna


Il quindicesimo numero di AutoRicerca contiene due testi scritti da Massimiliano Sassoli de Bianchi. Il primo è una versione dello Yoga Darshana di Patanjali, dove l'autore ha cercato di rendere le "formule" di Patanjali massimamente esplicite e auto-evidenti. Il secondo è un vero e proprio manuale di pratica, ampiamente illustrato, in cui vengono esposte in modo chiaro ed accurato numerose tecniche di base dell’antica scienza dello Yoga. 

The fifteenth issue of AutoRicerca contains two texts written by Massimiliano Sassoli de Bianchi. The first is a version of Patanjali's Yoga Darshana, where the author has tried to make Patanjali's "formulas" highly explicit and self-evident. The second is a real practice manual, widely illustrated, in which numerous basic techniques of the ancient science of Yoga are exposed in a clear and accurate way.

 


​Versione stampata (acquistoVersione e-book (accesso aperto


Lo Yoga Darshana di Patanjali
Patanjali's Yoga Darshana

Massimiliano Sassoli de Bianchi

Lo Yoga Darshana di Patanjali è il testo fondamentale dello Yoga classico, redatto sotto forma di aforismi (sutra) da un illustre maestro del passato (Patanjali), di origine incerta, probabilmente vissuto tra l’800 e il 300 a.C. (sebbene secondo alcuni autori la sua origine rimonterebbe addirittura fino a 10’000 anni prima di Cristo). Il termine “Darshana” ha origine dalla radice sanscrita “darsh,” che significa “vedere,” da intendere qui nel senso di una visione che va oltre la percezione ordinaria (nell’ambito delle filosofie induiste, il termine indica anche un sistema filosofico, o paradigma teorico di riferimento). Nella presente versione, si è cercato di rendere le "formule" di Patanjali massimamente esplicite e auto-evidenti, tanto da non necessitare, idealmente, di ulteriori commenti di accompagnamento.

Patanjali's Yoga Darshana is the fundamental text of classical Yoga, written in the form of aphorisms (sutras) by an illustrious teacher of the past (Patanjali), of uncertain origin, who probably lived between 800 and 300 BC (although according to some authors, its origin would date back to 10,000 years before Christ). The term "Darshana" originates from the Sanskrit root "darsh," which means "to see," to be understood here in the sense of a vision that goes beyond ordinary perception (in the context of Hindu philosophies, the term also indicates a philosophical system, or a theoretical reference paradigm). In the present version, we tried to make the "formulas" of Patanjali extremely explicit and self-evident, so as not to require, ideally, additional accompanying comments.

Elementi di Sadhana dello Yoga
Elments of Yoga's Sadhana

Massimiliano Sassoli de Bianchi

L’autore espone in modo chiaro ed accurato numerose tecniche di base dell’antica scienza dello Yoga. Più esattamente, vengono spiegati sei distinti Pranayama (tecniche respiratorie), tre Bandha (tecniche di contrazione muscolare), oltre sessanta Asana (tecniche posturali), due diverse sequenze di Surya Namaskara (saluto al sole) e l’esercizio dell’arco taoista. Vengono anche fornite le istruzioni di base per una corretta pratica di Dharana (concentrazione) e Dhyana (meditazione). Infine, l’autore illustra alcuni particolari procedimenti energetici (Kriya), tra cui una tecnica detta dell’oscillazione longitudinale volontaria delle energie (OLVE), che per la sua semplicità e immediatezza è da annoverarsi tra le metodologie energetiche più rilevanti oggi a disposizione delle coscienze in evoluzione.

The author presents in a clear and accurate way a number of basic techniques of the ancient science of yoga. More precisely, he explains six distinct Pranayama (breathing techniques), three Bandhas (muscle contraction techniques), over sixty asana (postural techniques), two different sequences of Surya Namaskara (sun salutation) and the exercise of the Taoist arc. He also provides the basic instructions for a proper practice of Dharana (concentration) and Dhyana (meditation). Finally, the author illustrates some special energetic processes (Kriya), including a technique called voluntary energetic longitudinal oscillation (VELO), which because of its simplicity and immediacy is to be counted among the most important energetic methods today available to the evolving consciousness.​